Cucina romana 3.0

Sempre una cucina. Sempre Roma.
Una Roma di sole e d’Agosto, strade comunque trafficate e paesaggi mozzafiato, lungo la strada.
Una cliente sicura di quello che voleva e con il gusto giusto, direi. Una scelta, la sua, che mi è stata particolarmente a cuore perché è partita dalla prima cucina che ho realizzato, e quando mi ha scritto mi ha detto: “la voglio così”.
A quanto pare una sfida abbastanza semplice, e in effetti lo è stata. Ma di sicuro emozionante e nella sua linearità, mi ha anche lasciato spazio per delle decisioni importanti e la giusta dose di manualità. Infatti ho arrugginito ferri per i cassetti e per il frontale della lavastoviglie, decorato in panna gli sportelli del lavello (che sarà in tinta con il frigo Smeg) e scelto accuratamente il materiale per la struttura che doveva essere quel pioppo della cucina vista.
Ho curato anche la fornitura degli elettrodomestici (forno Smeg+ schienale e cappa scelti dalla cliente), lavello, rubinetto e lavastoviglie Ikea.
L’appartamento in cui è stata inserita sembra poi nato per lei: la stanza che ospiterà cucina e soggiorno ha i soffitti alti, tipici delle vecchie case del centro, e la parete su cui sarà disposta è stata scrostata con cura dalla vecchia carta da parati ed è stata lasciata così come è risultata. Un insieme cromatico di gialli e azzurro grigi che lascia senza fiato. Il pavimento scelto è un parquet largo e rustico sui toni degli azzurri. E poi l’impianto del gas esterno, a vista, realizzato con tubi in rame che corrono alti sopra a tutto l’insieme. Ottime scelte.
E così la giornata è scivolata tra attrezzi da montaggio, chiacchiere, tramezzini e l’aiuto fondamentale del mio collaboratore Robbi, colui che mette insieme i “miei” pezzi.
Tra le foto qui sotto, alcuni dettagli della cucina (ancora da terminare: mancano cappa, schienale e frigorifero), del muro e anche del cortile interno di accesso all’appartamento con i suoi colori e la luce d’estate.
Un grazie a Simona perché si è affidata e soprattutto fidata di me e del mio gusto, e perché grazie a lei, ancora una volta (la terza) a Roma ho dato vita a una cucina abbastanza originale.

img_6416
img_6420
img_6431
img_6432
img_6433
img_6428
img_6417
img_6421
img_6424
img_6423
img_6422


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>